Posizione: Home » Corsi di Laurea » Magistrali » Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (M)

Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (M)

Corso di Laurea
TipologiaMagistrale
AcronimoCTF-M
Classe di appartenenzaLM-13
SedeSassari
Dutata5 anni
Crediti formativi 300
Organo di controlloConsiglio di Corso di Studio in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche

Il Corso di Studi (CdS) in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche è di cinque anni e rientra nella normativa europea dell'Area Sanitaria e pertanto è valido in tutti i paesi dell'Unione Europea. Si articola in 27 esami atti a formare professionisti del farmaco per progettare, sviluppare e controllare la qualità del farmaco. Oltre ai 27 insegnamenti, per un totale di 232 crediti formativi universitari (CFU) di attività didattica assistita (208 CFU di lezioni frontali e 24 CFU di esercitazioni di laboratorio), sono previste: attività a scelta dello studente (8 CFU), altre attività (1 CFU), un corso di lingua inglese con colloquio finale (3 CFU), il tirocinio professionale (30 CFU) ed, infine, la elaborazione della tesi di laurea (26 CFU ripartiti in: svolgimento della ricerca e degli studi preparatori 15 CFU, redazione dell'elaborato 9 CFU e dissertazione finale 2 CFU). In totale il Corso di Studi consta di 300 CFU. Per conseguire la Laurea Magistrale, lo studente deve acquisire i 300 CFU previsti. A ciascun CFU corrispondono 25 ore di impegno complessivo per studente. Nell'impegno complessivo sono comprese ore di lezione, di esercitazione, di laboratorio, di seminario e quelle riservate allo studio personale o ad altre attività formative. In particolare, 1 CFU di lezioni frontali o di esercitazioni teoriche corrisponde a 8 ore assistite, mentre 1 CFU di laboratorio equivale a 14 ore assistite. La frequenza ai corsi è obbligatoria. Per quanto concerne l'acquisizione dei CFU per le attività a scelta dello studente e le altre attività il CdS propone un elenco di attività formative a scelta dello studente ed un elenco di attività formative professionalizzanti tra le quali lo studente può scegliere, oltre a questi lo studente può acquisire CFU presentando al CdS attestati di attività seminariali, congressuali e corsi che il Consiglio di CdS valuterà di volta in volta.

Le iscrizioni al 1° anno sono limitate a 60 posti dei quali: 54 riservati a cittadini comunitari e non comunitari (ai sensi dell'art. 26 L.189/2002) e 6 riservati a cittadini non comunitari residenti all'estero (di cui 1 riservato a cittadini della Repubblica Popolare Cinese). La prova di ammissione avrà luogo nel mese di settembre 2013. Le norme concernenti la comunicazione dell'esito della prova, l'assegnazione dei posti e i termini per l'iscrizione saranno riportati nel relativo bando. Ogni anno di corso è diviso in due semestri in ciascuno dei quali i CFU delle singole materie sono opportunamente bilanciati in maniera tale da distribuire, nel modo migliore possibile, il carico di studio degli studenti. Il primo semestre ha inizio il 1° Ottobre e termina il 31 Gennaio, il secondo semestre inizia il 1° Marzo e termina il 10 Giugno. Sono previste tre sessioni ufficiali d'esame: Ia sessione 1-28 Febbraio; IIa sessione 15 Giugno-15 luglio; IIIa sessione 1-30 Settembre. Potranno essere concessi appelli speciali durante il corso dell'Anno Accademico secondo quanto stabilito nel regolamento del Corso di Studi. Il Corso di Studi prevede il programma Erasmus che permette agli studenti iscritti di trascorrere un periodo di studio presso un'altra Università Europea per frequentare lezioni, sostenere esami, svolgere periodi di tirocinio o il lavoro di tesi. Tali attività devono essere previste nel piano di studi o, in caso contrario, approvate dal Corso di Studi. Il programma non prevede aggravio di tasse e dà garanzia al rientro in sede, del riconoscimento degli studi effettuati e dei CFU maturati.

 

Il laureato in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, con il conseguimento della laurea svolge attività di ricerca, sviluppo e produzione del farmaco sia di origine sintetica che biotecnologica e con l’abilitazione professionale, svolge la professione di farmacista.

Funzione in un contesto di lavoro:

tra le funzioni principali della figura professionale del laureato in CTF si evidenzia la caratteristica funzione di coordinamento nella ricerca chimico-tecnologico-farmaceutica nell'ambito delle strutture pubbliche e private. Inoltre, con l'acquisizione dell'abilitazione alla professione del Farmacista, tale figura è in grado di costituire un fondamentale elemento di connessione fra paziente, medico e strutture della sanità pubblica, collaborando al monitoraggio del farmaco sul territorio, all'attuazione della terapia in ambito sia territoriale che ospedaliero e fornendo al paziente e allo stesso medico quelle indicazioni essenziali al corretto utilizzo dei farmaci.

Competenze associate alla funzione:

ai sensi della direttiva 85/432/CEE, il laureato in Chimica e tecnologia farmaceutiche è autorizzato almeno all'esercizio delle seguenti attività professionali:

- sintesi principi attivi per la fabbricazione e controllo di medicinali nell'industria farmaceutica;

- controllo di qualità dei medicinali in laboratori pubblici o privati;

- produzione e il controllo di presidi sanitari, dispositivi medici e presidi medico-chirurgici;

- produzione e controllo di qualità di prodotti dietetico - alimentari;

- produzione, analisi e controllo di qualità di prodotti cosmetici;

- analisi e controllo delle caratteristiche fisico-chimiche e igieniche di acque minerali;

- immagazzinamento, conservazione e distribuzione dei medicinali nella fase di commercio all'ingrosso;

- preparazione, controllo, immagazzinamento e distribuzione dei medicinali nelle farmacie aperte al pubblico o nelle farmacie ospedaliere;

- diffusione di informazioni e consigli nel settore dei prodotti per la salute.

Le attività sopra indicate sono solo alcune di quelle coordinate da detta direttiva; il percorso formativo potrà considerare anche altre attività professionali svolte dall'Unione Europea nel campo del Farmaco, al fine di consentire pari opportunità occupazionali in ambito europeo.

Sbocchi professionali:

- Chimico (abilitazione alla sezione A dell'Albo Professionale dei Chimici),

analisi chimiche con qualunque metodo e a qualunque scopo destinate,

direzione di laboratori chimici la cui attività consista anche nelle analisi chimiche,

studio e messa a punto di processi chimici,

progettazione e realizzazione di laboratori chimici e di impianti chimici industriali,

verifiche di pericolosità o non pericolosità di sostanze chimiche

- Farmacista (abilitazione alla professione del Farmacista),

- Farmacista Ospedaliero (specializzazione in Farmacia Ospedaliera),

- Informatore scientifico del farmaco,

- Chimico ricercatore (industria farmaceutica, cosmetica, alimentare),

- Farmacologo,

- Ricercatore e tecnico laureato nelle scienze biologiche.